Uscire dalla paura

Ciao,

ieri ho finito un libro che ho trovato molto interessante: Uscire dalla paura di Amana e Krishnananda. Osservare il bambino emozionale dentro di noi e interrompere l’identificazione.

Ho impiegato circa un mese a leggerlo. Veramente un saggio in cui ho trovato delle conferme. Come al solito inserirò a punti per far chiarezza anche a me:

  • Va nel solco delle corazze e del bambino interiore che ho cominciato a vedere con la Riprogrammazione Pisco Posturo Integrata;
  • Molti argomenti che tratta il libro gli ho trovati anche nei dodici passi della fratellanza, CoDA, che frequento;
  • L’aver cominciato a lavorare sul mio bambino interiore aiuta nel migliorare oltre che sulla paura anche nella rabbia.

Come piace molto dire a quelli bravi mi ha permesso di unire i puntini sul percorso che ho iniziato in vari modi da Giugno 2012: dieci anni abbondanti e stancanti ma non privi di gioie.

Avete qualche libro da consigliarmi che tratta questo argomento? Ogni proposta è ben accetta!

Luca

Bookcrossing

Ciao,

a metà luglio mi sono iscritto ad un sito di bookcrossing: www.bookcrossing.com. Ho inserito i primi cinque libri ed ieri li ho lasciati nel giardino di bookcrossing che si trova in centro di Sesto San Giovanni, la mia città.

Pre pandemia i libri cartacei che sapevo che avrebbero occupato spazio e preso polvere in casa li lasciavo nell’area di libero transito della mia biblioteca di riferimento, senza tracciare online il rilascio. Da quest’anno ho deciso di tenere traccia di questa cosa online. Sono curioso di vedere se qualcuno iscritto al servizio li prenderà e che girò verrà fatto. Anche se non ci saranno registrazione dei movimenti mi fa piacere che i libri prendano comunque nuova vita, che altre persone li leggano e che possano aiutare altre persone a crescere come è successo a me! Vi capita anche a voi di partecipare a queste attività di bookcrossing? Fatemi sapere!

Luca

Le emozioni che curano: Stare bene con la nuova medicina delle emozioni – Erica Francesca Poli

Ciao,

Primo libro della Poli che leggo. L’ho comprato su consiglio durante il week-end di formazione tenuto da Stacchini. Lettura scorrevole e interessante. Non fatevi spaventare dalla “dimensione”: il libro si legge molto bene. Lo stile di scrittura dell’autrice mi piace molto. Almeno per me degni di nota, nel senso che ho letto, riletto e aggiunte molti appunti e sottolineature, i capitoli sul corpo che non dimentica e sull’ansia. Il motivo è semplice: sto lavorando nel miglioramento dell’ansia e superare gli attacchi di panico che ho avuto nel passato. Ora devo mettere in pratica quanto letto
Consigliatissimo per cominciare a prendere coscienza delle nostre emozioni e poterle “gestire” per migliorare la propria vita.

Le emozioni che curano

Luca

Masche – Fabrizio Borgio

Ciao,

sto recuperando un po’ alla volta i libri di Fabrizio Borgio. Ho scoperto Fabrizio durante la prima quarantena del 2020 quando ho acquistato La Festa di Leva su consiglio di un autore indie che seguo dal 2019. La Festa di Leva è stato pubblicato in modalità indie. Le Masche è invece stato pubblicato tramite editore. E’ il primo libro con protagonista Stefano Drago: poliziotto del DIP. Che a me piace definire come l’area X-Files del più famoso serial americano. Ambientato in Piemonte e nel nostro tempo. La cosa divertente è che ho letto i tre libri con Protagonista Stefano Drago al contrario: Il settimino, La morte mormora e ora Masche.

Ambientato tra le langhe e il monferrato il libro presenta il protagonista e una figura molto importante del folklore piemontese: le masche. Mi sono innamorato del libro, come degli altri della serie, per vari motivi. Gli stessi motivi per cui consiglio il volume e gli altri: il paranormale presentato come un aspetto della vita quotidiana e non come un mondo altro. L’ambiente del basso piemonte che ho scoperto a Gennaio 2020. La scrittura dell’autore che è asciutta e interessante. Intendo interssante perchè mantiene alto il ritmo del racconto.

Per rimanere aggiornati nel mondo di Fabrizio vi consiglio:

  1. Il suo blog;
  2. La sua pagina autore.

Luca

Le chiavi principali del successo – Jim Rhon

Ciao,

con questo post voglio inaugurare una nuova “categoria” di post. SI tratta dei libri di cui mi è stata consigliata la lettura per mettere insieme i famigerati puntini della propria vita e crescita personale. In questo caso voglio parlarvi di uno dei libri che ho preso nell’ultimo week-end di formazione. Si tratta del libro Le chiavi principali del successo di Jim Rhon. Libricino smilzo rispetto ai volumi mammut che sta producendo l’editoria mondiale negli ultimi anni. Ma dal mio punto di vista denso di informazioni necessarie per permettermi di uscire dalla palude con cui sto cercando di uscire (anche se mi viene in mente una citazione musicale più liquida con “affogando per respirare” dei subsonica). Perché per me è stata un consiglio di lettura corretto. Perché fondamentalmente tocca tutti i punti su cui devo migliorare. Libro cartaceo: in cui si prendono appunti e si sottolinea alla vecchia maniera: con la matita nel mio caso. L’edizione che ho letto potete vedere alla pagina goodread. Una delle frasi che mi porto dietro in modo potente del libro è “Diventa l’individuo migliore che verosimilmente puoi diventare”.

Luca

MLOL – Media Library On Line

Ciao,

comincio questo post dalla lontana. Sono un utente della biblioteca della mia città da quando andavo alle superiori. Quindi l’anno prossimo festeggio il ventennale. Da quando la biblioteca di Sesto San Giovanni si è digitalizzata ed è entrata nel consorzio nord ovest di Milano ho approfittato per prenotare i libri in modo da poter andare a prenderli in biblioteca sul sicuro. Ho approfittato anche dei cd musicali, dei film su dvd e delle riviste presenti in biblioteca e disponibili al prestito. Ho partecipato anche al gruppo di lettura della biblioteca dal 2013 al 2019. Poi onestamente con la pandemia e le limitazioni nei povimenti ho lasciato la pezza. Mea culpa.

Ma ora passo al tema del post. Ovvero il Media Library On Line a cui aderisce anche il consorzio Nord Ovest Milano partecipato dalla biblioteca di Sesto. Domenica ho preso in prestito un paio di libri che riguardano l’informatica. Per leggerli si hanno varie possibilità: direttamente sul sito del MLOL: per i miei gusti molto scomodo. Scaricando il programma del MLOL sul computer: per me la soluzione intermedia come comodità. Oppure scaricando l’app del MLOL sullo smartphone o sul teblet. Utilizzando il programma sul computer o l’app funziona come le altre app per la lettura degli ebook, quindi come l’app del kindle o di ibs ecc, con la differenza che invece di comprare l’ebook e scarcarlo lo prendi in prestito e lo scarichi. Gli ebook hanno una data di scadenza del prestito: come per i libri cartacei presi in biblioteca. Nel mio caso il termine del prestito è il 4 aprile. Onestamente non penso di finirli per quella data. Ma al momento volevo cominciare a testare la cosa. Ed è molto fluida e comoda. Hanno ideato il flusso per noi utenti in modo molto intelligente secondo me. Adesso ho solo da capire cosa succede il 4 aprile: ovvero se l’app cancellerà l’ebook in automatico il 4 aprile oppure quando selezionerò l’ebook dal 4 aprile l’unica opzione che avrò sarà di restituirlo.

Una cosa da ricordarsi: la biblioteca che partecipa al MLOL compra un tot di libri per i propri iscritti. Proprio come i libri. Quindi se tutte le copie dell’ebook sono in prestito si può prenotare. Quindi si entra nella lista di prenotazione e quando è arrivato il proprio turno il libro sarà disponibile al download e alla lettura.

Che dire: secondo me è un ottimo modo per leggere gli ebook in modo economico e in modo legale, come i libri fisici. Forse l’unico vero limite è che non ci sono ereader da cui scaricare i libri. Per il resto non posso che consigliare.

Luca

Networking & lavoro. Come valorizzare le relazioni professionali

Ciao,

questa volta voglio parlare di un libro che ho trovato molto utile. Soprattutto per me che fino a qualche anno fa consideravo il fare rete, in ogni ambito della vita, uno sbattimento. Il libro si concentra sulle relazioni professionali, ma ho ricevuto ottimi spunti anche per l’ambito personale.

L’autore parte dal presupposto, che ho ritenuto corretto, che ogni persona a creato negli anni una professionalità con i propri punti di forza. Naturalmente ognuno ha anche dei punti di debolezza. Bisogna partire da qui per capire cosa si può dare agli altri e valorizzarlo. Da ciò si possono costruire delle relazioni di valori con gli altri. Se non siamo disposti a dare il meglio di noi agli altri come possiamo aspettare che gli altri facciano altrettanto con noi?

C’è da tenere in considerazione che fare network permette di esercitare le doti di comunicazione e relazione che sono, secondo me, decisamente necessarie per avere una vita soddisfacente.

Qui il link anoobi del libro.

Luca

Il Mobile Working che non ti aspetti

Ciao,

titolo fuorviante? A chi legge la sentenza. In queste ferie natalizie, tra le letture a cui mi sono dedicato, mi ha aiutato molto a inquadrare bene il lavoro mobile il libro “Mobile Working. Lavorare ovunque in modo semplice e produttivo” di Cristiano Carriero. Edito da Hoepli, ho preso la 4 ristampa del 2021. Libro preso, non come usuale negli anni, online oppure in qualche catena di librerie, ma in una delle tre librerie di Sesto San Giovanni: la libreria Presenza.

Intanto è un saggio, giusto definirlo saggio?, che riguarda come riguarda il modo di organizzare il proprio lavoro: il lavoro mobile riguarda sia il dipende, che il manager o il freelance.

Concetti molto importanti come organizzazione del proprio lavoro durante i propri spostamenti. Quante volte capita di passare molto tempo in treno per trasferte di lavoro oppure aspettare i mezzi di trasporto nelle stazioni oppure negli aeroporti? Io ad esempio avrei dovuto, e potuto, organizzare meglio gli spostamenti quando andavo a Monaco di Baviera dal cliente avrebbe potuto migliorare veramente la stanchezza dovuta allo sballottamento.

Molto interessante la proposta dei tool online per organizzare il lavoro da qualsiasi terminale technologico, dallo smartphone al computer. Come utilizzare i sistemi di condivisione file per avere i propri documenti aggiornati da qualsiasi terminali digitali che si utilizza.

Utilissimo il capitolo sullo storyselling.

Ma è l’ultimo capitolo che mi ha fatto capire che l’acquisto è stato azzeccato: il capitolo tredicesimo che parla del fatto che “Importante non è urgente”. Questa differenza è molto importante per poter gestire i propri obiettivi e bilanciare la propria vita lavorativa e personale per poter vivere tranquillamente e con soddisfazione.

Luca

Festa della Repubblica

Ciao,

come avete passato questo due Giugno? Visto ancora il blocco regionale per le trasferte sono rimasto a casa. Neanche gita fuori porta. Questa mattina ne ho approfittato per fare una camminata nei parchi vicino casa. Dopo pranzo ho seguito e completato un corso su Udemy, cominciato a leggere un libro e visto un paio di puntate della seconda stagione di Battlestar Galattica.

Corso Udemy: ho seguito Web Giornalism e Web Writing. Il corso è diviso in sette sezioni. Le prime cinque sono dedicate ai vari tipi di scrittura. Quindi non è dedicato alla scrittura via web. Le due ultime due sezioni invece sono dedicate alla scrittura dei post nei blog: con anche utili indicazioni per trovare risorse in rete e come aumentare il traffico verso il proprio blog.

Invece per la classica lettura ho cominciato a leggere Prevedibile e inevitabile di Francesco Carbone. E’ un saggio di economia dedicato alla crisi dell’interventismo economico. Vedremo come procede, al momento sembra interessante.

Luca

Corsi Udemy

Ciao,

oggi mi sono fatto tentare da un po’ di corsi su Udemy. Ne ho approfittato visto che oggi è l’ultimo giorno con gli sconti. Con un investimento quaranta euro ho preso i seguenti corsi:

  1. Diritto d’autore e privacy per creatori di contenuti
  2. Blogging professionale: Il metodo completo con WordPress
  3. Web Journalism e Web Writing
  4. Corso di programmazione per blockchain Ethereum

Ne approfitto di questo periodo di lockdown di fase due, con la compo di poco lavoro in questo periodo, di vedere se riesco ad imparare cose nuove. Ora per cultura generale, poi vediamo.

Luca